04/12/09

6. UOCHI TOKI. Libro Audio.



6
UOCHI TOKI
Libro Audio
(La Tempesta)


Aggiungere altre parole al diluvio logorroioco che sono gli Uochi Toki, e che naturalmente è anche questo loro terzo album vero e proprio, primo per La Tempesta, sembra davvero l'ultima cosa da fare. La tentazione sarebbe quella di incollare qui uno dei testi, per esempio quello di Il ballerino, dire che un disco con testi del genere (sembra impossibile, ma qualche santo si è preso la briga di trascriverli parola per parola qui) andrebbe comprato a prescindere dalla musica e chiuderla così.
Proverò quindi ad essere sintetico: mi chiedo come mai il rapper Napo e il prduttore Rico non siano ancora delle stelle, quantomeno nella poco eccitante scena indipendente italiana attuale (fossimo negli anni '80, chissà...). Me lo chiedo e ho anche la solita tragica risposta buona in questi casi: bisognerebbe essere intelligenti, o se non altro curiosi, anche se le due caratteristiche di solito viaggiano in coppia. Bisogna fare attenzione, molta attenzione, ascoltando gli Uochi Toki. Non sempre se ne ha voglia, ma si è ripagati con gli interessi. Ci vogliono molti ascolti, ma non per modo di dire, come usiamo noi giornalisti musicali quando un disco non ci convince e non capiamo bene perchè. Ce ne vogliono tanti perchè c'è davvero tanta roba, e coglierla tutta insieme e subito è impossibile. In ogni rima, letteralmente in ogni rima c'è da fermarsi a riflettere, riavvolgere l'ipotetico nastro e riascoltare. Non sempre fanno rima, Napo non ne ha bisogno. E proprio per questo le poche volte che lo fanno, in mezzo a schemi lirici imprevedibili, l'effetto è quello di un flash dirompente.
C'è un pezzo che dura dieci minuti, un altro che ne dura sei e rotti, due stanno sopra i cinque, tutti sono parlati dall'inizio alla fine o quasi. Il vocabolario ha il doppio delle pagine di quello del rapper medio, il contenuto si è fatto più maturo e visionario (occhio a Lo spadaccino), i flash nel quotidiano sono più rari, ma accecanti (I mangiatori di patate e Il nonno, il bisononno una dopo l'altra sono un'accoppiata strepitosa).
Le basi, d'altro canto, sono quanto di meglio Rico abbia mai realizzato: sempre ossessive e minacciose, ma più compatte e originali, adattate al tema di ciascuna traccia come se fosse in atto una simbiosi perfetta fra parola e suono. Il ladro e la citata Il nonno, il bisononno hanno forse i beat più prossimi alle convenzioni hip hop nella storia del duo, e nonostante questo non assomigliano a nulla. Qua e là emergono pesanti atmosfere metal, o il gorgogliare distorto tipico del dubstep più stradaiolo, e il bello è che anche una ipotetica versione strumentale del disco starebbe in piedi benissimo. Mandare una copia alla Planet Mu?

4 commenti:

e. ha detto...

Assolutamente d'accordo. Per quanto mi riguarda, uno dei dischi italiani più importanti dell'anno.
ciao, e.

kekko ha detto...

IL disco :)

Cristiano ha detto...

Grandissimo disco, sicuramente uno dei migliori del 2009!
L'osservatore, l'osservatore1 miglior pezzo.

Anonimo ha detto...

come dicono loro "sono un non-gruppo, non avranno mai successo perché non vogliono"

ma forse è meglio così,forse è meglio che siano pochi quelli che li possono apprezzare,se dovessero finire tra il grande pubblico sarebbe la fine,la gente si sentirebbe offesa e li manderebbe a cagare senza nemmeno soffermarsi in modo più approfondito sui testi,senza nemmeno cercare di comprendere che in realtà tutto ciò che dicono è costruttivo,sotto insulti e disprezzo.

"tu mi rallenti umano,tu mi rallenti"

Cerca in Soul Food

Archivio