02/12/10

Will the circle be unbroken


Sembra di fare la solita osservazione banale su quanto in Italia si sia indietro rispetto al resto del mondo, bla bla bla. Ma forse il problema è diffuso, ed è il problema di un mondo in cui il denaro e quello che esso rappresenta girano al contrario di come dovrebbero, assicurando ulteriore benessere a chi già ne ha, e negandolo a chi ne avrebbe bisogno. Ieri mi è stato rimbalzato un finanziamento, una cosa piccola, una trentina di euro al mese per trenta mesi. Ho capito che un finanziamento è un privilegio, non un aiuto.
Sul piatto da parte mia non c'era moltissimo, ma di questi tempi nemmeno una miseria: un contratto part-time nel commercio e, come garanti, la partita IVA e il relativo reddito della mia fidanzata. Non sono bastati, non ho “raggiunto il punteggio necessario”. Perchè? La ditta non mi concede il finanziamento “perchè nè io né il mio garante abbiamo mai fatto finanziamenti in passato”.
Inutile fare notare quanto tutto sia assurdo, quanto il ragionamento crei un loop nel quale sarà ben difficile fare breccia, e come il fatto che io non abbia mai fatto finanziamenti in passato (non è vero, tra l'altro: ne ho fatto uno intorno al 2003, se non ricordo male proprio con la stessa ditta, per una cifra pure superiore; ma “ogni cinque anni gli archivi vengono azzerati”) sia casomai un punto a mio favore, dimostrando come io sia sempre stato in grado di cavarmela da solo. Nulla.
Per questo forse la ditta si chiama come si chiama, perchè traccia dei cerchi. Perfetti.

2 commenti:

a. ha detto...

non entri nel cerchio se non ci sei già entrato, ci sei già entrato se eri invitato, se non sei invitato sei fregato

Andrea ha detto...

non fa una piega

Cerca in Soul Food

Archivio