20/11/08

I miei dischi dell'anno

Come ormai abitudine - il secondo anno consecutivo fa già abitudine? - di questo blog che non legge nessuno, siamo alle classifiche di fine anno. I giornali per cui scrivo le vogliono molto presto.
Come sempre, ci saranno dischi dimenticati, dischi che ascolterò dopo e dischi che ascolterò meglio, ma così ci tocca fare.
Come sempre, dei dischi che durante l'anno ho avuto modo di recensire io stesso pubblicherò innanzitutto la recensione stessa, ed eventualmente qualche aggiornamento o rettifica o mea culpa.
Si dia quindi il via all'avvincente countdown, non sto nella pelle nemmeno io.



20. Bugo Contatti (Universal).

Buone notizie da Bugo: dopo un’irruzione da apripista underground nel mondo stantio della grande discografia nostrana di inizio decade, il menestrello di origine novarese – un Celentano post-punk, per semplificare e scansare l’abusata definizione di “Beck delle risaie” – pareva destinato ad una aurea mediocritas senza troppi alti o bassi. E invece, Contatti lo rilancia in grande stile. Grosso merito, va detto, è da ascrivere al produttore Stefano Fontana, che dà al disco i tratti elettronici, la misura e il gusto delle sue uscite a nome Stylophonic. E forse anche per questo Bugo suona ispirato e quasi nuovo, pur essendo in sostanza il Bugo di sempre: spesso geniale e bruciante, talvolta troppo fisso nella ricerca della rima a prescindere, con il senso che non sempre arriva, o se arriva non pare così cruciale. Ma sono dettagli, di fronte al groove rilassato di piano elettrico del singolo C’è crisi, al Battisti mezzo Mogol e mezzo Panella di Love Boat, al vecchio amore Beck spedito a 140 bpm di Nel giro giusto, a una bomba funk-house come La mano mia. Sodalizio fortunato insomma, che fossimo in Cristian Bugatti faremmo di tutto per rendere permanente. (da Il Giornale Della Musica #248)

Nessun commento:

Cerca in Soul Food

Archivio