12/01/02

Davvero, credevo che l'estrazione di un dente del giudizio storto ed orribilmente cariato fosse qualcosa di più doloroso.
Meglio così.

d7. Swearing At Motorists “The Burnt Orange Heresy” 2000. (cdep Secretly Canadian, usato, € 8.20)
E mi pareva strano. Proprio in quel negozio lì che in questo genere è specializzato, Swearing At Motorists, un disco del 2000, 8 pezzi, solo sedicimila lire. Usato, è vero, ma il mio prezzo immaginario per un articolo del genere sarebbe stato, che ne so, ventimila. Fedele alla linea, quindi, non ho potuto fare a meno di prenderlo.
Trattasi di un tour cd in edizione limitata (500? 1000?), del quale anche in rete si conosce poco o nulla, per quattordici minuti di durata. Lungi da me l’applicazione del rapporto prezzo/minutaggio alla musica, pratica che aborro, le mie perplessità riguardano la natura sostanzialmente da fans di un disco come questo.
Una ballata lenta e rarefatta in apertura, via via appena più elettriche le due seguenti, un brevissimo sketch elettronico inutile, uno sprazzo di roots-pop alla traccia numero 5, un altro breve sketch (stavolta di chitarra elettrica effettata), un ibrido tra techno e chiesa, una ballata finale dal sapore desertico. Non male, ma tutto molto incompiuto.
Che me ne faccio io, che del gruppo non ho null’altro? Quanto è rappresentativo questo ep? Comprerò mai un cd vero e proprio del gruppo sulla base di questo ep? Mah. Intanto lo tengo e aspetto che salga di valore, non si sa mai.

Nessun commento:

Cerca in Soul Food

Archivio