30/11/12

2. Daphni. Jiaolong (Jiaolong).





























Vi siete persi i 12" con cui Dan Snaith ha inaugurato il suo alias parallelo Daphni, mentre mieteva successi ovunque come Caribou? Niente paura: Jiaolong li raccoglie tutti, e aggiunge anche quattro tracce inedite, confermando come la spinta verso il dancefloor non sia una scappatella, ma una parte ormai fondamentale dell'orizzonte sonoro dell'uomo. Che ci è arrivato mutando progressivamente il suono del gruppo madre, e che ora la lascia libera di srotolarsi in nove tracce di house creativa, calda e spontanea come quella dei grandi (Theo Parrish, ad esempio). Musica che funziona in pista - la già nota e ballata Ye-Ye resta il top in questo senso, ma occhio all'avanzare solenne di Ahora, e al funk percussivo della nuova Pairs - e che non si limita a quello, in cui si sentono la testa e la mano di chi per mestiere fa (anche e soprattutto) altro, e che a queste cose è giunto un passo alla volta. Le tracce vivono e si evolvono davanti a noi, ed è una gioia analogica senza fine. (DJ Mag n.24)

Nessun commento:

Cerca in Soul Food

Archivio