08/03/09

"Io da sola non mi sento sicura, sicura, sicura mai"

L'elettore decide con la propria testa, ma se gli diamo una mano non guasta.

"Durante i due anni del governo Prodi (2006 e 2007) i tg hanno raddoppiato lo spazio della cronaca nera. Secondo uno studio del Centro d'ascolto dell'informazione radiotelevisiva (nato da un'iniziativa dei radicali) dal 2003 al 2007, il tempo dedicato ai servizi su delitti, violenze e rapine è raddoppiato (se non triplicato) passando dal 10,4% dei tg del 2003 al 23,7% di quelli del 2007. Dato significativo che potrebbe avere aumentato la percezione di insicurezza da parte degli italiani, e avere avuto un peso alle elezioni politiche del 2008, tesi sostenuta dal centrosinistra in molte occasioni. Come la convinzione che il senso di incertezza e paura sarebbe nato in parte per il battage dei media." (continua)

3 commenti:

Alessandro ha detto...

Vale la pena di integrare questi dati con altri riguardo il rapporto tra gli italiani e i media:

- Il telegiornale batte tutti gli altri strumenti informativi a disposizione degli
italiani: guarda il telegiornale tutti i giorni, infatti, il 44,2%

- Il 59,1% degli italiani guarda la televisione da 1 a 4 ore al giorno (dati EURISPES 2008, http://snipurl.com/de089)

L'uso della rete, è risaputo, è limitato e raramente indirizzato all'approfondimento dell'informazione (http://snipurl.com/de1db, ISTAT).

Se aggiungiamo questi dati a quelli riguardo il rapporto tg italiani/percezione del crimine otteniamo una chiave di letture in più riguardo molti fenomeni socio-politici radicati (o in via di radicamento) nel paese.

Andrea ha detto...

grazie per l'aggiunta, utilissima e (purtroppo) ulteriormente inquietante.

a.

heavyhorse ha detto...

l'hanno già fatto negli USA e, come si sa, noi da loro copiamo solo le cose negative...

Cerca in Soul Food

Archivio