02/02/10

I love this game!

Non incomincio nemmeno ad annoiarvi su quanto il calcio nella stragrande maggioranza dei media italiani sia diventato una cosa davvero fastidiosa. Anzi, un po' sì.

La Coppa d'Africa in Angola: l'unica cosa che pareva importare a giornali a tv italiche era il risultato del Camerun, per poter fare il titolo su Mourinho che avrà Eto'o oppure non avrà ancora Eto'o per l'importantissima sfida casalinga con la Sangiovannese. L'importante è fare il titolo su Mourinho. E naturalmente scrivere ogni volta il nome di ogni calciatore seguito fra parentesi da quello della sua squadra europea, se ce l'ha, perchè il pubblico italiano ha ancora bisogno di sentirsi dire: "Guarda che non sono dei bingo-bongo qualunque, sono bravi, giocano in Europa". (E intanto, pare che gli osservatori delle squadre italiane brillassero per la loro assenza... Petrachi dove eri invece di portarci a Torino lui?)

Comunque sia, proviamo a riparare con due link.
Due esempi quasi commoventi di passione pura, paragonabile a quella che tanti anni fa ci faceva spendere decine di migliaia di lire (e centinaia di ore) per completare l'album Panini. Due blog che riportano il calcio allo stato originario di gioco, ma moderni nell'essenza e finissimi nell'incrociare quella passione con parole e immagini. Privi di quella retorica finta da Cucci o Zazzaroni di chi rimpiange il calcio di una volta, mentre sguazza benissimo in quello melmoso di oggi.

Il primo è lo straordinario Giocatori Che Somigliano A Macchine: con il passare del tempo ha allargato il raggio di azione in mille direzioni, tutte geniali. Ma il core-business dichiarato nel titolo resta la cosa migliore: il ritrovare nei musi delle automobili i lineamenti di pedatori più o meno famosi. Un'intuizione tanto nerd quanto azzeccata. Sembra impossibile, controllate voi stessi e levatevi il cappello.
Un assaggio? Voila, e occhio: crea dipendenza.


Il secondo blog è invece Poetare Con I Piedi, luogo altrettanto splendidamente maniacale: si tratta di poesie remixate in chiave calcistica, con una cura e una competenza in entrambi i campi che qualcuno definirebbe degne di miglior causa. A me invece vanno benissimo così. Da granata, cito il dantesco Lamento del centrale:

"Ricorditi di me che son Loria;
Siena mi fé, disfecemi la Roma:
Spalletti con la sua difesa a tria
schierandomi, inetto a tale soma"
(Qui l'originale, canto V del Purgatorio)

In entrambi i casi, un calcio dove chi ha la maglia a striscie non vale più degli altri, ma uguale.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

sangiovannese la tu mamma

Andrea ha detto...

era come per dire il pinerolo, a scanso di equivoci... :)

オテモヤン ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Simeone Lo Stilita ha detto...

perchè il baka qua sopra ha scritto una selva di cazzate tra cui tette e pompino? Amico tuo?

Andrea ha detto...

e chi lo sa?
nel dubbio ho eliminato... :)

Cerca in Soul Food

Archivio